Cineforum ‘La bicicletta verde’ di Haifaa Al-Mansour

Locandina.cine.5

Dettagli Evento

  • mercoledì | 18/03/2015
  • 21:00 - 23:00
  • Cooperativa Sociale La Speranza - 1^ piano via Roma 81 - Cassina de' Pecchi (MI)
  • 029529300

All’interno della rassegna di eventi “Marzo al Femminile” la cooperativa La Speranza con il patrocinio del comune di Cassina de’ Pecchi vi invita alla proiezione del film “La bicicletta verde” di Haifaa Al-Mansour..

Parteciperanno per l’associazione “Lucrezia Marinelli Nilde Vinci (presidente) e Maria Ripamonti (vicepresidente).
Ci sarà modo di confrontarsi sulla proiezione e di gustare un ricco buffet a chiusura della serata.

La trama:

Arabia Saudita. In una scuola rigorosamente solo femminile Wadjda lotta per non soffocare i propri desideri di libertà. In particolare uno di questi riguarda l’acquisto di una bicicletta verde, con la quale potrà essere alla pari del bambino con cui gioca dopo la scuola. La sua famiglia non può permettersela e di certo non vuole che si faccia vedere su un oggetto tradizionalmente riservato agli uomini, così Wadjda comincia a cercare i soldi per conto proprio rendendosi conto ben presto che quasi tutti i metodi per farlo le sono proibiti. L’unica è partecipare ad una gara di Corano della scuola (lei che non eccelle nelle materie religiose), il cui primo premio è in denaro.
Per parlare della vita oggi nel suo paese, degli uomini e delle donne che lo animano e dell’oppressione dell’uomo sull’uomo (o della donna sulla donna), Haifaa Al-Mansour sceglie di rifarsi al modello aulico italiano e raccontare la storia di una bambina, una madre e la ricerca di una bicicletta.
La bicicletta verde del titolo anche in questo caso è simbolo di emancipazione e libertà, l’oggetto che rappresenta una possibile salvezza al sistema al quale altrimenti anche Wadjda sarebbe condannata, come la madre e come le compagne, un sistema fatto di oppressione mentale e personale da parte degli uomini e di gran parte delle altre donne. La conquista dell’oggetto però non passa per l’esplorazione del paesaggio cittadino quanto per un percorso di purificazione e abnegazione, Wadjda diventa così indipendente e libera non per il fatto di andare in bici ma grazie al percorso con il quale arriva a poterla comprare, talmente audace da influire anche sul tradizionalismo subito dalla madre. Una rivoluzione gentile compiuta involontariamente dal solo atto di cercare dei soldi da sola, ottemperando alle regole imposte (la gara di Corano) per scardinarle da dentro.